Scusi, pe’ via Palmiro Togliatti?

Gemini Rue“Ed eccola qua, la mini micro recensione dell’amico Michele, ingegnere, uomo di mondo, traslocatore per passione, che si é giocato per benino Gemini Rue, un’avventura grafica col titolo un po’ troppo francese per i miei gusti, fatta da Wadjet Eye Games solo per PC, giusto per non farmela giocare sul Mac, gli devo sta’ antipatico a questi. Ma basta scrivere cose idiote, agevoliamola ‘sta mini micro recensione…” Continua a leggere

RAGE e la rabbia, la troppa rabbia…

Piccola premessa: sono vivo, più bello, più alto e più biondo di prima quindi ricomincerò ad inondare internet di spazzatura, che bello!!!

Allora di cosa vogliamo parlare nel primo post da più di un mese a questa parte? Di niente, solo del fatto che erano due giorni che su eBay avevi partecipato ad un’asta per accaparrarti RAGE, che dopo aver provato la demo brami all’inverosimile, avevi spiazzato tutti con la tua strepitosa offerta di 26 euro (mica cotiche), in due giorni nessuno aveva osato offrire di più, lo sentivi già tuo, stavi scaldando i pollici al solo pensiero di metterci le manine sopra, a cinque minuti dalla chiusura dell’asta ti sei messo davanti al computer ad aspettare la stessa, pronto a stappare lo spumante, come il più triste dei capodanni e allora…

E allora niente, a 5 secondi dalla fine una testa di fungia offre 26 e 50… ti ha telefonato Padre Pio, ha detto basta.

P.S. Amazon per tutta la vita!!!

Ciao Steve…

É ormai più di un mese che non mi faccio sentire a queste coordinate, colpa (o merito?!?) dell’inizio di un altro anno scolastico che si traduce inevitabilmente in meno tempo per tutto quello che mi piace fare, giocare ai videogames, uscire, andare in palestra, leggere e anche scrivere sul mio amato blog. Ma vi prometto che cercherò di scrivere almeno un pezzo a settimana, quasi sicuramente di Domenica…

Conclusa questa breve premessa volevo anche io dare un ultimo saluto a Steve Jobs, un autentico pilastro dell’informatica e dell’elettronica degli ultimi tempi. Purtroppo non sono mai stato bravo in questo genere di cose, quindi mi limiterò ad un semplice ma sentito “Ciao Steve, grazie di tutto…”

“Stay hungry, stay foolish”

“Resti in attesa per non perdere la priorità acquisita”

Oggi é uno di quei giorni… no, non hai le “tue cose”, ma é uno di quei giorni in cui aspetti che ti arrivi un pacco, in questo caso Deus Ex: Human Revolution pagato 56 euro su Amazon più 8 euro di spedizione entro un giorno, e come ogni volta fai il tuo rituale. Sveglia assurdamente presto, traduzione le sei del mattino, nel caso arrivino e tu sia a dormire (tanto arrivano dopo pranzo ma tu ti svegli comunque alle sei). Passi tutta la mattina barricato dentro casa nel caso arrivino e tu non ci sia (tanto arrivano dopo pranzo). Come ogni mattina di attesa che si rispetti ti suonano al citofono seimila persone e tu ogni volta hai un tuffo al cuore dalla gioia per poi scoprire che era solamente il postino/testimone di Geova/uno che passava di lì/ il marocchino che vende le magliette e rimanere fortemente deluso (tanto arrivano dopo pranzo, se suonano prima non sono loro). Continua a leggere

Costume Quest – É un JRPG, ma light!!!

Io e gli JRPG non ci siamo mai capiti… il primo che giocai fu Final Fantasy VIII, ed essendo veramente giovane non ci capii assolutamente niente e nonostante tutto riuscii ad arrivare alla fine del primo di ben quattro CD, il tutto per rimanere bloccato in una stanza a causa di un passaggio che non vidi e allora non era certo come adesso che basta andare a consultare una guida su internet, prima rimanere bloccati significava dover abbandonare un gioco, e così fu. Dopo quell’esperienza il mio rapporto col genere ne uscì in qualche modo logorato e cominciai a discostarmene sempre di più, nessun JRPG mi piaceva abbastanza da essere portato a termine. Continua a leggere

Un’offerta che non potevo rifiutare…

Come ben sapete la mia amata tivì é morta… ancora molto triste per l’inaspettata dipartita mi son deciso a visitare il solito negozio di elettronica per cercare una degna sostituta. Entro fiducioso, sperando di cavarmela con massimo 250 euro, faccio un fischio al commesso e gli dico “c’ho bisogno di una tivì”, quello parte subito verso il reparto delle “big”, che la più infima costava 1999 euro, ma lo placco al volo e gli spiego che mi serve un LCD piccolo, possibilmente poco costoso. Il tizio ci resta male, ma cercando di raccogliere tutta la sua professionalità, mi fa strada verso gli “small”, che il più costoso costava 299 euro. Continua a leggere

Borderlands – Benvenuti su Pandora!!! (Mica quella di Avatar)

Visto che lo hai nominato nello specialone dedicato alla GamesCom hai ben pensato che una recensione di Borderlands ci stava come il ragù sulla mortadella (“Che schifo!!!” direte voi, ma provatelo e poi mi dite) e quindi eccoci qua a parlare di questo gioco, che é uno shooter ma anche un po’ gioco di ruolo ma anche un po’ MMO e pure un po’ puzzle game (no puzzle game no ma ti pareva brutto fermarti a tre generi). Chiariamo fin da subito che con ’sto gioco hai una specie di rapporto amore/odio, che ci hai giocato la bellezza di settanta ore ma le ultime venti non finiva più e bramavi la fine, in cui hai pensato che forse farsi tutto il gioco comprese le espansioni tutto di fila non era poi ‘sta grande idea e sei arrivato ad un certo punto ad odiarlo profondamente e a maledire Gearbox che lo ha fatto, a 2K che lo ha distribuito e al tizio che lo ha portato all’OpenGames e a loro che mettono l’usato a 19.90 ma in pratica sono venti che i dieci centesimi non te li rendono mai. Continua a leggere