Costume Quest – É un JRPG, ma light!!!

Io e gli JRPG non ci siamo mai capiti… il primo che giocai fu Final Fantasy VIII, ed essendo veramente giovane non ci capii assolutamente niente e nonostante tutto riuscii ad arrivare alla fine del primo di ben quattro CD, il tutto per rimanere bloccato in una stanza a causa di un passaggio che non vidi e allora non era certo come adesso che basta andare a consultare una guida su internet, prima rimanere bloccati significava dover abbandonare un gioco, e così fu. Dopo quell’esperienza il mio rapporto col genere ne uscì in qualche modo logorato e cominciai a discostarmene sempre di più, nessun JRPG mi piaceva abbastanza da essere portato a termine. Continua a leggere

Annunci

Un’offerta che non potevo rifiutare…

Come ben sapete la mia amata tivì é morta… ancora molto triste per l’inaspettata dipartita mi son deciso a visitare il solito negozio di elettronica per cercare una degna sostituta. Entro fiducioso, sperando di cavarmela con massimo 250 euro, faccio un fischio al commesso e gli dico “c’ho bisogno di una tivì”, quello parte subito verso il reparto delle “big”, che la più infima costava 1999 euro, ma lo placco al volo e gli spiego che mi serve un LCD piccolo, possibilmente poco costoso. Il tizio ci resta male, ma cercando di raccogliere tutta la sua professionalità, mi fa strada verso gli “small”, che il più costoso costava 299 euro. Continua a leggere

Borderlands – Benvenuti su Pandora!!! (Mica quella di Avatar)

Visto che lo hai nominato nello specialone dedicato alla GamesCom hai ben pensato che una recensione di Borderlands ci stava come il ragù sulla mortadella (“Che schifo!!!” direte voi, ma provatelo e poi mi dite) e quindi eccoci qua a parlare di questo gioco, che é uno shooter ma anche un po’ gioco di ruolo ma anche un po’ MMO e pure un po’ puzzle game (no puzzle game no ma ti pareva brutto fermarti a tre generi). Chiariamo fin da subito che con ’sto gioco hai una specie di rapporto amore/odio, che ci hai giocato la bellezza di settanta ore ma le ultime venti non finiva più e bramavi la fine, in cui hai pensato che forse farsi tutto il gioco comprese le espansioni tutto di fila non era poi ‘sta grande idea e sei arrivato ad un certo punto ad odiarlo profondamente e a maledire Gearbox che lo ha fatto, a 2K che lo ha distribuito e al tizio che lo ha portato all’OpenGames e a loro che mettono l’usato a 19.90 ma in pratica sono venti che i dieci centesimi non te li rendono mai. Continua a leggere

Specialone sulla GamesCom 2011

Diciamo subito che a te la GamesCom ti é sempre stata molto più simpatica dell’E3, non perché ti stia sui cosiddetti L.A. e tu preferisca Colonia, non perché gli americani facciano sempre molto scena e invece i tedeschi siano più morigerati, ma perché Colonia c’ha lo stesso fuso orario del tuo tanto amato paese e le conferenze iniziano ad un’ora più decente e questo aiuta a renderle più piacevoli e a renderti più disponibile a sopportare minchiate… che se tu alle 2 di notte invece di startene a dormire o a ubriacarti in giro stai davanti ad un computer a sentire un sacco di tizi che non parlano neanche la tua lingua e le conferenze fanno pure schifo, ti incazzi. Continua a leggere

A caval Donato non si guarda in bocca… ma a cavallo Gianni sì!!!

É estate, fa un gran caldo e spesso e volentieri si accende la console o il computer, si fa partire un gioco ma lo si stacca subito perché ci si accorge che magari iniziare per l’ottava volta Borderlands non é la cosa più rilassante del mondo e con grande, grandissimo stupore scopri che stai cercando un gioco casual e non ne hai nemeno uno, quello é multiplayer e se sei rilassato non ti fanno neanche entrare in partita e rischi serie minacce di morte da parte della tua squadra, quell’altro é un gioco di ruolo da 874 ore e non c’hai la forza d’animo di ricominciarlo, un altro si chiama Ninja Gaiden e ti incazzi solo a sentirlo nominare, a Braid non ci giochi perché hai spento il cervello appena é iniziata la bella stagione, quindi che fare?!? Continua a leggere

Signor Freeman, so’ un po’ più de du’ etti, che faccio lascio?!? … lascio?!?

Vi dirò, sono sempre rimasto molto perplesso dal fatto che molti videogiocatori considerino Gordon Freeman (protagonista degli Half-Life, ma che ve lo dico a fa) un personaggio molto carismatico, un personaggio che non vedi, non senti e esegue ordini come una marionetta, sempre succube degli avvenimenti, che non si degna di rispondere ad anima viva, neanche se gli chiedi che ore sono, neanche su usi la “parolina magica”, neanche se gli nomini tutta la parte femminile del suo albero genealogico, niente lui impassibile, tronfio nella sua “mutezza”… Continua a leggere

Limbo – “Nel mezzo del cammin di nostra vita…

…mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita”. Così recita la prima terzina dell’Inferno di Dante, senza troppi preamboli, senza alcuna premessa o futile introduzione il poeta ci catapulta con forza nell’opera. E nello stesso modo inizia Limbo. Senza nessun prologo che ci illustra cosa stia accadendo, chi sia il protagonista e neanche quale sia il suo scopo, Limbo inizia e basta, con un bambino di cui non si sa nulla, sdraiato su un prato e perso in una foresta fatta di silhouette e scale di grigi. Ma cominciamo per gradi. Limbo é un puzzle/platform in 2D sviluppato dai Playdead Games, sviluppatori indipendenti danesi, e disponibile inizialmente solo su Xbox Live (faceva parte della Summer of Arcade dello scorso anno) e da qualche tempo anche su PS3 e Steam. Continua a leggere

Fans vs. Hollywood: lo scontro finale!!!

Purtroppo noi videogiocatori ogni qualvolta che qualche colosso di Hollywood esclama: “Vogliamo realizzare il film basato sul videogioco vattelapesca” sappiamo già che, salvo miracoli da parte di una divinità a caso e sempre che esca, sarà una bella cagata. Ma vi faccio una domanda: possono dei fan con molto cuore e pochi soldi fare meglio di un produttore qualsiasi con molti soldi e senza cuore?!? Continua a leggere